La presentazione di “Privatizziamo!” a Pordenone

Condividi:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Si terrà domani sera, venerdì 26 febbraio 2016, alle ore 19:30  a Pordenone presso la Sala T. Degan della Biblioteca Civica , la presentazione di Privatizziamo!, il nuovo libro di Massimo Blasoni. Assieme all’autore, il giornalista economico di “Libero” Sandro Iacometti. Nella discussione si affronteranno i temi su cui si sviluppa l’idea centrale del libro, cioè la necessità di una drastica riduzione della presenza pubblica nella vita di cittadini e imprese in favore di una privatizzazione organica, coerente e coraggiosa di molti servizi, eccessivamente costosi e poco efficienti, ora in mano allo Stato. Burocrazia, lentezza, spesa pubblica, scarsa competitività, tassazione eccessiva sono problemi che Blasoni conosce bene, come imprenditore alla guida di un gruppo con 1800 dipendenti e Presidente del Centro Studi Impresa lavoro.
“Ogni giorno – racconta Blasoni – mi scontro con l’eccessiva lentezza della burocrazia italiana. Da noi, per una concessione edilizia occorrono 227 giorni, in Germania 96. Da noi la tassazione arriva al 42,6%, contro il 32,3% del Regno Unito. Ma esiste anche una tassazione indiretta, descritta perfettamente dal numero di ore che l’imprenditore perde per pagare le tasse, che in Italia si aggira sulle 269 ore, rispetto alle 110 di un collega inglese. O l’Italia capisce che privatizzare è l’unico modo per recuperare competitività a livello europeo e globale, o siamo destinati a non crescere”.
Parole chiare, espresse con molti esempi e dati nel libro appena uscito per Rubbettino Editore, e proposte originali e forti per un intervento radicale e coraggioso che non esclude il pubblico in favore di un modello ultra liberista e poco solidale, ma anzi che mantiene lo stato nel ruolo di controllore, alleggerendolo di quella produzione dei servizi che ora, con scarsi risultati, gli compete e che, nel nuovo modello, sarebbero gestiti da soggetti privati, valutati sulla base dei costi stabiliti dal mercato e dall’efficienza del servizio.