Privatizziamo!

Condividi:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

di Massimo Blasoni. Con il mio libro “Privatizziamo!”, edito da Rubbettino e in uscita in questi giorni in tutte le migliori librerie italiane, voglio dimostrare che – se c’è la volontà politica di farlo – è ancora possibile per il nostro Paese imboccare la strada verso una serie di riforme capaci di migliorare la vita degli individui, delle famiglie e delle imprese. Nel libro non c’è solo teoria (per quella mi affido ai grandi maestri del pensiero liberale), ma soprattutto esempi concreti di possibili soluzioni in grado di restituirci uno Stato più leggero, in armonia con le proprie funzioni essenziali. Uno Stato che legifera, vigila e protegge i più deboli; non uno stato che produce in concorrenza con i privati e si occupa, pervasivamente, di tutto.

Sono partito dalla mia esperienza di imprenditore per tratteggiare proposte concrete spaziando da liberalizzazioni e privatizzazioni fino a una radicale modifica del pubblico impiego e dell’organizzazione degli enti locali. Sei Regioni e mille comuni, ad esempio, sarebbero più che sufficienti. Tutti temi di cui si occupa il libro e che già abbiamo trattato in profondità con il Centro Studi di ispirazione liberale “ImpresaLavoro”, da me fondato nell’estate del 2014 proprio per offrire elementi di analisi e di dibattito sui temi dell’economia, proposti da chi l’economia la fa davvero.

Prima della conclusione, “Liberrima. In sogno una società quasi ideale”, una parte leggera che descrive con ironia il viaggio di un cittadino italiano in una sorta di mondo autenticamente liberale.